Il progetto

SAFFRON è un progetto internazionale il cui acronimo significa “Semantic Analysis against Foreign Fighters Recruitment Online Network“. E’ un progetto europeo che durerà 2 anni, con un budget di 672.244,62 Euro cofinanziato dal Fondo Sicurezza interna dell’Unione Europea.

social

Lo scopo di SAFFRON è quello di realizzare un sistema in grado di supportare le Forze di Polizia nel rintracciare velocemente le modalità di reclutamento di combattenti stranieri da parte di gruppi terroristici in Europa, con particolare attenzione all’ISIS e Al-Qaeda.

Il progetto consiste nello studiare le strategie di comunicazione specifiche per il reclutamento sui social media (ad esempio narrazioni, argomentati e miti usati) adottate da tali gruppi, e la loro evoluzione nel tempo, così come l’identificazione dei bisogni, dei valori ed i contesti culturali e sociali del bersaglio.

Durante il progetto sarà sviluppata una “guida sui social media” specifica per dare delle linee guida dettagliate alla squadra che si occuperà dell’analisi dei social media per la gestione delle diverse situazioni comunicative, la gestione dei contributi formulati dagli utenti e le reazioni. Inoltre, sarà identificato un protocollo di crisi per i mezzi di comunicazione sociale al fine di individuare le situazioni comunicative critiche e proporre le interazioni comunicative più opportune.

I principali obiettivi di SAFFRON sono:

  • Obiettivo 1: Implementare e testare uno strumento da far utilizzare a tutti i soggetti interessati (che sono anche parte del consorzio) per identificare in modo tempestivo le attività di reclutamento dirette ed indirette di combattenti stranieri effettuate tramite Internet, e tutti i segnali (deboli o forti) del grado di radicalizzazione dei singoli individui;
  • Obiettivo 2: Analizzare le tendenze più recenti circa il reclutamento di giovani europei da parte di gruppi terroristici;
  • Obiettivo 3: Analizzare la strategia di comunicazione on-line dei vari gruppi terroristici e sviluppare una campagna sui social media per contrastarne la propaganda.